Che fine ha fatto la SEO?

Perché anche nel 2019 ti serve la SEO.

Realizzare contenuti ottimizzati sia per i motori di ricerca che per i lettori è una delle parti fondamentali della realizzazione di un progetto online che abbia visibilità. Se i contenuti non sono ottimizzati con parole chiave mirate (keywords) le posizioni raggiunte dal sito web non saranno quelle giuste. Si parla in questo caso di realizzare contenuti SEO.

Oggi voglio darti alcuni consigli per creare un contenuto migliore al fine di essere letto e condiviso.

Bisogna subito porre attenzione a cosa scrivere, come si scrive e soprattutto per chi. Per poterlo fare bisogna prima di tutto individuare:

  1. il target, il pubblico al quale rivolgersi
  2. quali informazioni cerca
  3. perché ha bisogno di quelle informazioni
  4. quale parole chiave usa per trovarle

Partiamo dal primo punto. Il target. È necessario identificare il tipo di pubblico che pensi desideri ciò che stai offrendo. Il consiglio è iniziare a dialogare con il proprio pubblico per capire di cosa ha bisogno, per farsi conoscere ed acquistare credibilità. Allo stesso tempo scoprirai così le sue caratteristiche, le abitudini e le preferenze.

Successivamente dovrai trovare parole chiave pertinenti e correlate ai prodotti/servizi offerti alla nicchia di pubblico al quale ti rivolgi.

Individua gli argomenti, ciò che il pubblico intende imparare o sul quale cerca informazioni.

Una volta individuato l’argomento è importante scriverlo in modo da tenere agganciato il lettore per tutto il tempo, così da farlo rimanere sul sito più a lungo. Come fare?

Migliorando la leggibilità. Meglio un contenuto corto ma chiaro. È inutile parlare per ore del nulla, il tuo lettore se ne accorgerà e abbandonerà la pagina. Se le informazioni che offri implicano poche parole ma chiare allora non ha senso dilungarsi.

Sia i tuoi lettori che i motori di ricerca saranno invece ben contenti di poter leggere in futuro approfondimenti sullo stesso argomento.

 

La SEO è morta?

Affatto. La SEO è cruciale per qualsiasi attività e negli anni futuri sarà sempre più importante per incrementare la propria visibilità. Ciò che oggi domina è la ricerca organica dei contenuti. Secondo le ricerche del Forrester Consumer Technographics il 49% degli utenti si affida alla ricerca online prima di decidere l’acquisto di un prodotto/servizio, e di questi il 19% ritiene che i motori di ricerca influenzino la loro decisione. Di tutto ciò il 58% del tempo di ricerca è la parte finale del percorso di acquisto.

 

Con la SEO sei dove sono i tuoi clienti.

Bisogna adattarsi al passo. Che uno ci creda o no la pubblicità tradizionale (stampa, tv, radio, ecc.) sta perdendo terreno sotto i piedi, salvo casi particolari. Non ci credi? Immagina di dover comprare una tavola da surf, dove la cercheresti? Su Google, immagino. Oggi c’è più probabilità di visitare un sito internet (oppure un negozio online) piuttosto che un esercizio fisico reale. Per questo devi essere presente esattamente dove sono presenti i clienti ai quali ti rivolgi. Inoltre fino ad ora la ricerca organica è la fonte principale di traffico verso un sito web.

Perché? È molto semplice: se il sito web è visibile nei risultati di ricerca sicuramente il cliente lo visiterà e più utenti lo faranno, più conversioni riceverai. Molti a causa del costo che la SEO richiede decidono di scegliere il PPC (Pay per Click – campagne pubblicitarie a pagamento) pensando che costi meno, ma ogni click ha un costo.

In realtà sia la SEO che il PPC hanno un prezzo:

  • la SEO costerà di più nella fase iniziale, ma ha un effetto a lungo termine perché si basa sulla ricerca organica che guida il 95% di tutto il traffico;
  • il PPC ha un costo ed un effetto immediato, sarai visibile per le parole chiavi per le quali corrispondi un prezzo, ma durerà finché paghi, una volta terminata la campagna pubblicitaria il tuo sito/annuncio sparirà dai risultati di ricerca.

Il 70-80% degli utenti ignora le pubblicità per concentrarsi sui risultati organici. A meno che non tu non sia un grande brand conosciuto e ricercato da tutti, non sarà così scontato che potenziali clienti digitino il tuo nome per cercare prodotti/servizi che offri loro.

Ecco perché ritengo la SEO fondamentale per aumentare la visibilità del proprio marchio. Ti ricordo che l’81% degli acquirenti fa una ricerca online prima di acquistare qualcosa.

Non ti nascondo che la SEO ha un enorme impatto sul modo in cui un brand (marchio) viene percepito dagli utenti, basta pensare alle recensioni online che influenzano non poco le decisioni di acquisto di futuri consumatori. Il 97% dei clienti legge le recensioni lasciate da altri che hanno già provato il prodotto/servizio; l’85% di questi afferma che si fida delle recensioni quanto delle raccomandazioni personali. Dimmi la verità, almeno una volta lo hai fatto anche tu.

 

Un occhio che veglia su di te.

Ottimizzare il sito ed i contenuti con la SEO è come avere costantemente un occhio vigile che monitora da vicino il tuo sito. Ecco perché la SEO non solo NON è morta, ma vivrà a lungo. Naturalmente è in continua evoluzione ed il suo modo di operare è cambiato e cambierà in futuro. È una disciplina al servizio della tecnologia e dovrà sempre essere al passo con essa. Ma la cosa bella è che il suo impatto sarà comunque a lungo termine.

Per ottenere i migliori risultati è importante avere tutti gli strumenti e le strategie SEO per far fronte alla concorrenza.

Contattami e sarò lieta di affrontare con te l’argomento!

Lascia un commento