Perchè aggiornare il sito web/blog?

Bene, ci siamo!! Finalmente hai il tuo sito web e adesso non vedi l’ora di utilizzarlo. Oggi non puoi sottrarti dall’avere un sito web personale o aziendale, eppure adesso è necessario mantenerlo ed aggiornalo, non puoi lasciarlo in balia di sé stesso. Questo è un aspetto non da poco, perché se avere un sito internet è alla portata di tutti, gestirlo al meglio ed aggiornarlo non è lo stesso. Aggiornare un sito internet, soprattutto con cadenza periodica, è il modo migliore per ottenere risultati nel tempo.

Un sito che non viene aggiornato costantemente è destinato a morire: tutti noi navighiamo in rete e se ci imbattiamo in un sito internet non rinnovato da tempo non possiamo valutarlo affidabile o curato. Ecco perché proporre contenuti sempre nuovi è davvero molto importante.
C’è anche un altro aspetto da non sottovalutare, quello legato alla SEO: ossia all’indicizzazione ed al posizionamento del sito web sui motori di ricerca. Proporre nuovi contenuti vuol dire creare pagine nuove aumentando il volume di quelle indicizzate. Questo ci aiuta nel posizionamento con parole chiave pertinenti ed il successivo incremento dei visitatori e dei potenziali clienti.

 

Come e quanto aggiornare un sito internet?

Questi sono altri due aspetti non da poco! Se il blog è integrato al sito è opportuno non scendere mai al di sotto di un post a settimana, anche se dipende dal tipo di sito web. Comunque è sempre consigliabile un aggiornamento costante; se inoltre si possiedono le competenze per farlo si può pensare di aggiornare il sito/blog da soli. Al contrario, è fondamentale affidarsi ad un professionista che gestisca ed aggiorni i contenuti del tuo sito web.

Un sito web è come un negozio, come una qualsiasi attività. Periodicamente la polvere va tolta dagli scaffali e dagli articoli in vendita, per presentarli ai potenziali clienti che potrebbero acquistarli, così anche il sito web va “spolverato” per renderlo curato e vivo. Ogni aggiornamento è sinonimo di vita ed impegno.

Perché è importante aggiornare il proprio sito/blog?

Anche la minima costanza di aggiornamento è importante per tanti motivi:

  • Hai nuove visite e condivisioni: ogni nuovo contenuto/post è una nuova pagina posizionabile per parole chiave su Google e ti permette nuove condivisioni sui social.
  • Non perdi il posizionamento sui motori di ricerca: un sito/blog aggiornato favorisce il posizionamento organico del tuo sito sul motore di ricerca; lasciare il sito a sé senza nuovi contenuti è un modo di dire al motore di ricerca che anche la tua attività potrebbe non essere aggiornata, che potresti aver cambiato lavoro o addirittura chiuso.
  • Se devi trovare nuovi clienti, riacquisire posizioni perse sui motori di ricerca, evitare i tuoi competitor ora sarà più lungo e costoso rispetto al mantenimento delle posizioni che avevi acquisito con un minimo aggiornamento.
  • Non puoi tradire i tuoi sostenitori: chi già ti segue, aspetta la tua newsletter, o il tuo nuovo post, potrebbe sentirsi abbandonato; il tuo lavoro di fidelizzazione precedente potrebbe andare perso.
  • Non perdere credibilità: il tuo sito/blog con l’ultimo post di alcuni anni fa non ti fa fare bella figura… così nuovi utenti che visitano il tuo sito potrebbero ritenerti poco aggiornato e decidere di non contattarti.
    Come aggiornare il tuo blog?

Segui un calendario, offriti dei tempi, decidi in base al tuo tempo disponibile quanti post potrai scrivere. Non decidere di scrivere un post al giorno se è un ritmo che non puoi mantenere. Un post a settimana, uno ogni quindici giorni, uno al mese… l’importante che non salti anche questo minimo appuntamento.

Appunta gli argomenti di cui vuoi/puoi scrivere: vuoi scrivere un post su un tema da trattare nel tuo sito/blog? Segnati l’argomento così quando arriverà l’appuntamento prefissato per la scrittura del tuo articolo avrai già un argomento da affrontare.

Sfrutta i momenti liberi: preparati in anticipo il prossimo post, non è necessario pubblicarlo subito, puoi sempre programmarlo per il giorno prescelto; puoi anche completarlo nei giorni successivi avendo già fatto parte del lavoro; puoi scrivere anche più post da tenere in serbo per il giorno in cui non hai niente da pubblicare perché hai troppo lavoro.

Ultima cosa, ma non meno impostante, chiedi aiuto ad un professionista: ovviamente l’unico che possiede e può trasmettere competenza ed esperienza nel settore sei tu, ma se proprio non puoi da solo tenere aggiornato il sito/blog ed hai necessità di un supporto sul piano editoriale allora ti consiglio di rivolgerti ad un professionista che possa darti l’aiuto che meriti.

Lascia un commento